17 Gennaio 2018
[]

News
percorso: Home > News > News Generiche

Esercitazione Sanitaria e Protezione Civile " Io Non Tremo "

30-05-2017 22:23 - News Generiche
Domenica 28 maggio il gruppo Formatori della Misericordia di San Miniato Basso in collaborazione con il gruppo Volontari Protezione Civile e Antincendio Boschivo della suddetta associazione hanno organizzato una giornata interamente dedicata alla formazione e all´aggregazione dei volontari denominata Io Non Tremo
Durante la mattinata è stato simulato un incendio in località Corazzano dove i volontari di Antincendio Boschivo sono intervenuti con tre squadre adoperandosi nelle opere di gestione ed estinzione dell´incendio , occupandosi della bonifica e della messa in sicurezza di tutta l´area circostante una volta controllate le fiamme. e effettuando comunicazioni radio. con la sala operativa, appositamente allestita per l´occasione .
Nel pomeriggio invece i volontari del Soccorso Sanitario e della Protezione Civile di San Miniato Basso e di altre associazioni intervenute , sono stati coinvolti nell´esercitazione denominata "Io Non Tremo" con lo scopo di testare le procedure di allertamento, organizzazione e coordinamento dell´ intervento Sanitario oltre al montaggio della tenda Pneumatica con l´ allestimento del Punto Medico Avanzato
. Lo scenario che i soccorritori si son trovati di fronte ha riprodotto il crollo di una fattoria, sita nella campagna di Corazzano in seguito ad una scossa di terremoto. Tutto è cominciato alle ore 17,00 in maniera reale con la segnalazione dell´evento arrivato alla centrale operativa del 118 la quale ha prontamente inviato sul luogo Ambulanza di Emergenza e Automedica . Una volta raggiunto l´obbiettivo sono stati individuati 17 feriti con vari traumi A questo punto è scattata la macchina della Maxiemergenza inviando all´indirizzo del disastro sei mezzi di soccorso , oltre alla Protezione Civile che si è occupata della viabilità e all´allestimento del Posto Medico Avanzato (PMA) ossia il fulcro della catena sanitaria dei soccorsi, dove i pazienti vengono stabilizzati prima del loro trasferimento in ospedale.
E´ stato inviato anche come supporto tecnico la squadra del distaccamento volontario dei Vigili del Fuoco di San Miniato Basso di, per la messa in sicurezza dello scenario garantendo per tutta la durata della simulazione una collaborazione attiva. L´ esercitazione ha avuto fine poi con il recupero di un disperso che ha visto ancora una volta i Vigili del Fuoco che ringraziamo sentitamente e la Protezione Civile all´opera per con tanto di corde e toboga per riprendere lo sfortunato caduto in un dirupo.
Un ruolo importantissimo è stato giocato proprio dai "simulatori", ossia coloro che si sono gentilmente prestati a fingere di essere rimasti feriti durante il sisma. Un ringraziamento particolare va a Tiziana Brancaccio e Fulvia Cantini, volontarie della Misericordia di Certaldo, che hanno truccato i finti pazienti , riproducendo fedelmente ferite e traumi.
Ringraziamo la Misericordia di San Miniato, che ha partecipato con un gran numero di volontari di Protezione Civile e con una squadra si Soccorso Sanitario , la Misericordia di Certaldo per la partecipazione con una squadra di Soccorso Sanitario e in particolar modo i volontari Salvestrini Roberto della misericordia di Certaldo e Baldini Eduardo della misericordia di Sesto Fiorentino per aver collaborato nell´organizzazione dell´esercitazione e le Misericordie di Empoli, Vinci e Lampedusa per aver preso parte il pomeriggio a "Io Non Tremo" con delle squadre di Soccorso Sanitario.
Un ringraziamento speciale va a tutti i volontari della Misericordia di San Miniato Basso, che con il loro impegno e la loro partecipazione hanno ripagato pienamente le aspettative degli organizzatori, che hanno definito questo evento" un buon punto di partenza" su cui lavorare ancora per migliorarsi sempre di più. E´ stato un pomeriggio molto impegnativo, ma anche estremamente soddisfacente, perché ha dato modo a tantissimi volontari di mettersi alla prova non solo dal punto dal punto di vista tecnico, bensì anche relazionale, poiché si sono interfacciati con "pazienti" feriti e spaventati da un evento calamitoso improvviso.


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]